ONTOS (un messaggio di luce con Espedito Petacca)

 
 

Premiazione di

Ontos

con 

Espedito Petacca

regia:

Alessandro Ferrara


ai Festival internazionali

CINEMA PATOLOGICO

e

ARTELESIA FILM FESTIVAL


partners:

Rai Cinema, Mibac, Real Academia de Espana, Goethe Institut


ONTOS

un messaggio di luce

SINOSSI: Espedito Petacca è un essere umano “cosiddetto” diversamente abile che attraverso il percorso di ricerca interiore in sigmasofia io-somato-autopoietica riconosce le sue origini: le transfinite distese dell’Universi, se stesso. “Qui ed ora L’ONTOS mi rivela che quello che gli sguardi di pietismo riconoscono come bruco, Io, la Sigmasofia, lo chiamiamo Il volo della FARFALLA verso le transfinite distese interiori dell’Universi: me stesso!”

RIFERIMENTI: Io-ontos-sophos-logia sigmasofica Il termine sofia deriva dal greco sophia che significa sapienza, saggezza, e da sophos, il saggio. Logia deriva da logos che significa discorso su, scienza. Quindi, secondo l’accezione sigmasofica, è la saggezza e la scienza dell’Io acquisito. Le funzioni autopoietiche, che i termini sofia, logos e kraino indicano, fanno parte dell’Io acquisito. Il termine Io-ontos-sophos-logia è stato scelto per indicare uno degli strumenti operativi della Sigmasofia e, in questo senso, è assimilabile al termine psicologia (anche il termine psiché è stato inglobato nel termine Io-acquisito). La sophoslogia è, sinteticamente, la scienza della saggezza, rappresentata dai principi attivi autopoietici sintetizzati negli archetipi Ypsilon, Psi, Lambda e Sigma del campo morfo-atomico-coscienziale, finora vissuto. Abbinandola al termine Io (Io-ontos-sophos-logia), diventa un processo di passaggio, di attraversamento che s’incontra durante la formazione.

 
 
 

Si ringraziano

la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei,

la Soprintendente

Teresa Elena Cinquantaquattro,

il Responsabile uffici beni archeologici di Cuma

Dott. Paolo Caputo.



SCHEDA TECNICA

Durata: 10,50
Regia: Alessandro Ferrara
Fotografia: Enzo Petacca
Suono: Nello Mangiameli, Alessandro Ferrara, Elena Liberati.
Riprese e Montaggio: Enzo Petacca
Musica: Nello Mangiameli, Alessandro Ferrara, Elena Liberati.
Soggetto e sceneggiatura: Nello Mangiameli e Alessandro Ferrara
Cinematografia: Nello Mangiameli
Testi: Nello Mangiameli, Espedito Petacca, Alessandro Ferrara
Versione Originale: italiana
Produzione: ΣIGMA-ART® (settore artistico di SIGMASOFIA o.n.l.u.s.)
Organizzazione e segreteria: Alessandro Ferrara, Espedito Petacca
Location: Sibilla Cumana e Castel Volturno
Attori: Petacca Espedito Frappappino, Alessandro Ferrara, Pasquale Silvestre, Morale Francesco, i piccoli Giosuè e Raffaele
Foto back stage: Orsola Bernardo


Espedito Petacca (operatore di sigmasofia)



TESTO

Pensavo che essere libero volesse significare semplicemente fare quello che mi pare.
Non è così!
Ho capito che vuol dire soprattutto assumere delle responsabilità verso se stessi, verso la vita e quindi verso gli altri che sono parte di me . 
Non mi accettavo!
Tutto quello che facevo era il frutto della prigione che io stesso avevo creato per la mia interiorità.
Si, il mio corpo è goffo
ma ci sono momenti in cui io volo leggero
oltre la prigione.
Oggi per me essere libero vuol dire superare continuamente la rabbia che mi suscitano i pungenti sguardi di pietismo e soprattutto quelle parole sussurrate che mi hanno accompagnato durante la mia vita come un Mantra ; 
Poverino! Poverino! Poverino!
Essere libero per me vuol dire trovare un punto d’incontro anche con quest’ignoranza
che cosa potevo fare se non appoggiarmi a chiunque mi suscitava un senso di non giudizio
ma poi
quando ero solo, mi accadeva di sprofondare nella depressione.
Volevo essere una farfalla ma ero un bruco,
e questo non lo accettavo
Oggi, vivendo integralmente la ∑igma-art,
più vivo il bruco che è in me,
più emerge la farfalla che sempre sono stato
e che non sapevo di essere.
Qui ed ora L’ONTOS mi rivela che
quello che gli sguardi di pietismo riconoscono come bruco
Io, la Sigmasofia, lo chiamiamo
Il volo della FARFALLA verso le transfinite distese interiori dell’Universi: me stesso!



TAGS:

Giornata Europea del Patrimonio Sigma Art